fbpx

Come funziona un telescopio Dobson?

Come funziona un telescopio dobson

L'osservazione planetaria è probabilmente la prima cosa che le persone fanno quando iniziano la loro avventura nell'astronomia amatoriale. È molto facile con l'attrezzatura giusta ed è assolutamente fantastico avere un telescopio serio tutto impostato e configurato per esplorare immagini nitide degli anelli di Saturno.

Come tutti sappiamo, il telescopio più pieno di risorse è quello che viene usato regolarmente, non quello che vive in una scatola. Deve essere facile da usare, pratico e divertente con cui lavorare. Pertanto, capire cosa tipo di telescopio quello che vuoi è la chiave per procurarti un degno telescopio.

Dobson è una delle etichette di telescopi più popolari che incontrerai nel campo dell'astronomia. I telescopi Dobson sono spesso associati a un'eccellente semplicità, che li rende incredibilmente funzionali e ottimi sia per i professionisti che per gli astrofili.

È un semplice set di ottiche su una semplice piattaforma altazimutale.

Tuttavia, non possiamo permetterci di chiudere un occhio su altre caratteristiche che rendono Dobs un prodotto straordinario. Dall'apertura più ampia alla portabilità e alla facilità d'uso, nei Dobson c'è di più di quanto sembri.

Quindi, in questo articolo, daremo uno sguardo più da vicino ai telescopi Dobson, vedremo cosa sono, come funzionano e cosa li rende così buoni.

Origine del telescopio Dobson

Origine del telescopio Dobson

Il Dobson è un tipo di telescopio riflettore sviluppato per la prima volta da un monaco indù Vedanta noto come John Dobson negli anni '1960 a San Francisco. Sebbene fosse laureato in chimica, Dobson era sempre stato interessato agli studi spirituali e alla cosmologia

Nel tentativo di sperimentare la realtà fondamentale, Dobson iniziò a indagare sulla natura dell'universo e su come coordinarlo con l'insegnamento indù.

Tuttavia, durante questo periodo, anche un semplice newtoniano da 6 pollici della forma tradizionale era fuori portata per Dobson poiché questi strumenti erano realizzati con componenti speciali costosi e per lo più non erano nemmeno portatili.

Gli oculari di alta qualità, le robuste montature equatoriali e gli spessi specchietti in Pyrex erano lontani dalla portata del monaco del Vedanta indù.

Sebbene fosse un monaco piuttosto sognante, Dobson non era certamente un uomo qualunque. Ha avuto una grande idea di creare il proprio telescopio, qualcosa che potrebbe aiutare le persone a esplorare l'universo. Il risultato di questa impresa fu un telescopio che attualmente porta il suo nome.

Concetti di progettazione del telescopio Dobson

Concetti di progettazione del telescopio Dobson

I primi progetti di telescopi Dobson prevedevano oblò in vetro per gli specchi principali, superfici levigate e coltivate con parti create con materiali di copertura e fard da gioielliere. E i tubi erano di cartone e gli oculari erano stati recuperati dai binocoli in eccedenza di guerra.

Questi telescopi sono stati argentati con composti nitrati sviluppati da fertilizzanti. I telescopi completati avevano anche specchi potenziati con imbracature sviluppate dalle cinture di sicurezza e il tutto ruotava su e giù proprio come un cannone.

Guarda anche
Mondi oltre il nostro sistema solare: un'introduzione

I moderni modelli Dobson sono piuttosto eccezionali. Gli oblò indicati sono stati in particolare scambiati con vetro ottico.

Invece di cartone, i tubi sono ora di metallo con metalli sottili e talvolta realizzati con telai in alluminio. Gli specchi più grandi hanno ancora stecche/imbracature, ma sono per lo più cavi in ​​acciaio e kevlar.

I telescopi Dobson sono noti per essere particolarmente semplici ed economici da produrre, sebbene i modelli importati dall'estero siano spesso una scelta facile per la maggior parte delle persone.

Quindi, come funziona un telescopio Dobson?

Quindi, come funziona un telescopio Dobson

Come accennato in precedenza, il telescopio Dobson rientra nella categoria dei telescopi riflettenti, che utilizzano essenzialmente uno specchio primario e uno specchio secondario al posto delle lenti.

Sono molto di un adattamento al famoso riflettore newtoniano, dove la luce è focalizzata da uno specchio primario concavo e l'immagine rimbalza su un piccolo specchio piatto diagonale sul lato del tubo.

Lo specchio parabolico concavo, destinato a catturare i raggi luminosi di diversi corpi celesti, è fissato nella parte inferiore del telescopio mentre l'oculare è posizionato sul lato del tubo del telescopio, vicino alla parte anteriore.

In altre parole, quando un telescopio Dobson è puntato su un bersaglio celeste, raccoglie i raggi di luce da quell'oggetto attraverso l'apertura (apertura). Questa luce viaggia all'interno del tubo ottico del cannocchiale e colpisce lo specchio primario fissato all'estremità del tubo del telescopio.

La luce incidente sullo specchio collettore (lo specchio primario curvo) viene quindi deviata verso lo specchio secondario piatto, dove viene diretta ulteriormente verso il focheggiatore dove è posizionato l'oculare. La messa a fuoco e l'ingrandimento dell'immagine avvengono all'interno dell'oculare.

Con un telescopio Dobson, l'oculare è posizionato ortogonalmente al focheggiatore nel tubo. Questo fa sì che l'immagine finale appaia capovolta, ma poiché lo spazio non ha su/giù, non è davvero un grosso problema.

Telescopio Dobson allestito

Telescopio Dobson allestito

Per ottenere le migliori prestazioni, il telescopio deve essere opportunamente collimato. Questo si riferisce al corretto allineamento degli specchi primari in modo tale che l'illuminazione che rimbalza o devia da essa sia diretta senza soluzione di continuità verso lo specchio secondario piatto senza alcuna distorsione o perdita di raggi luminosi.

Alcuni telescopi Dobson ampiamente prodotti sono dotati di cuscinetti stentati che richiedono una tensione extra con blocchi o molle in modo che non si spostino quando si cambiano gli accessori sulla parte anteriore dello strumento.

Mentre alcuni sono dotati di cuscinetti che possono scorrere attraverso il tubo, i migliori modelli Dobson sono dotati di ampi cuscinetti di altitudine che in pratica non sono alterati dal baricentro.

Un'altra cosa degna di nota è che la maggior parte dei telescopi Dobson sono interamente manuali. Ciò significa che lo spettatore dovrà trovare obiettivi utilizzando mappe stellari o smartphone e quindi utilizzare senza fretta il mirino per tracciare il cielo.

Guarda anche
Quanto sono speciali le eclissi? - Una guida COMPLETA

Il Dobson è nel complesso un ambito molto semplice. Infatti, sono soprannominati "secchi leggeri" per via della generosa apertura che rende la loro leva di raccolta della luce una delle migliori sul mercato.

A condizione che tu sia pronto a trovare e tracciare manualmente i tuoi obiettivi celesti, un telescopio Dobson è sicuramente la soluzione migliore per l'osservazione planetaria.

Per quanto riguarda gli accessori, gli esperti suggeriscono di sperimentare con l'oculare e le lenti di Barlow per vedere cosa funziona meglio in base a ciò che si osserva.

Specchi del telescopio Dobson

Specchi del telescopio Dobson

Il fatto che i telescopi Dobson seguano il design newtoniano significa che hanno lo stesso tipo di specchi del riflettore newtoniano. Questi telescopi hanno un'estremità aperta in cui la luce entra nel cannocchiale.

Gli specchi primari o collettivi sono fissati nella parte inferiore del telescopio e sono progettati per raccogliere tutta la luce che è entrata nel tubo.

Quando lo spettatore guarda attraverso l'oculare laterale, l'oculare del telescopio punta allo specchio secondario. La dimensione del telescopio è largamente influenzata dalla dimensione degli specchi.

Ad esempio, un telescopio Dobson da 12 pollici descrive sostanzialmente la misurazione dello specchio primario concavo nella parte inferiore del tubo.

La dimensione dello specchio è direttamente proporzionale alla lunghezza del tubo. I grandi telescopi Dobson avranno specchi più grandi per consentire a più luce di entrare nel tubo.

Gli specchi Dobson dovranno essere collimati. La collimazione è il processo in cui lo specchio primario e gli specchi secondari sono allineati tra loro in modo che non ci siano immagini deformate.

Questo è particolarmente vero quando lo strumento proviene direttamente dal produttore. Sebbene necessitino solo di lievi regolazioni, puoi farlo utilizzando vari strumenti come un collimatore laser per aiutarti nel processo.

Supporto per telescopio Dobson

Supporto per telescopio Dobson

I telescopi Dobson sono montati su una semplice montatura azimutale. Questo supporto tiene il tubo in modo molto simile a un cannone, poiché ruota su e giù e a destra e a sinistra.

Per proiettare i gruppi di tubi ottici verso un target selezionato nel cielo, lo spettatore dovrà prima dirigere manualmente il telescopio a sinistra oa destra spingendo lentamente il giradischi azimutale.

L'asse dell'altitudine potrebbe anche aver bisogno di una regolazione. Puoi farlo ruotando la manopola di controllo sul lato della scatola del bilanciere in modo da poter ruotare il tubo ottico su e giù.

Dopo aver posizionato l'oggetto desiderato al centro dell'oculare, è ora possibile fissare la manopola di controllo in modo che il tubo rimanga in posizione.

Guarda anche
NASA: un leader nello spazio e nell'aeronautica

La cosa migliore di questo supporto è che ha una costruzione molto semplice, solitamente in legno, ma incredibilmente stabile e facile da installare. Di solito sono robusti, il che è particolarmente importante quando si lavora con telescopi ad ampia apertura.

Questo lo rende di gran lunga migliore ed economico rispetto ad altri supporti della stessa classe. Infatti la montatura altazimutale è la parte centrale che distingue un telescopio Dobson da un telescopio newtoniano.

Quando installi la montatura Dobson, assicurati che la base del tuo punto di osservazione sia correttamente livellata a terra. Alcuni esperti suggeriscono anche di posizionare il supporto su un pad vibrante che allevia notevolmente le vibrazioni attorno allo strumento per una migliore esperienza visiva.

Detto questo, ora andiamo più vicini a ciò che rende così popolari i telescopi riflettenti Dobson.

Grande apertura

Grande apertura

Uno dei principali vantaggi dei telescopi Dobson è che sono riconosciuti per offrire l'apertura più ampia al prezzo più basso.

L'apertura si riferisce alla dimensione dell'apertura del cannocchiale. È qui che la luce entra nel gruppo del tubo ottico. Maggiore è l'apertura, maggiore sarà la luce incidente che il telescopio raccoglierà e più luminosa e nitida sarà l'immagine.

Questo li rende una scelta popolare per l'astronomia visiva: la luna, i pianeti e gli oggetti del cielo profondo poiché hanno un grande diametro obiettivo rispetto ad altri modelli.

Una montatura per telescopio equatoriale da 8 pollici costa relativamente il doppio di un Dobson da 8 pollici. Uno Schmidt-Cassegrain da 8 pollici è tre (a volte quattro) mentre uno da 8 pollici telescopio rifrattore costa all'incirca quanto un'automobile decente.

Per questo motivo, chi cerca un telescopio di buone dimensioni ea basso costo sarà saggio prendere in considerazione un Dobson. Questi telescopi riflettenti sono generalmente ideali per grandi aperture, da sei pollici fino a 36 pollici, principalmente perché utilizzano specchi anziché vetro.

Ancora una volta, questo li rende più economici da produrre rispetto ai telescopi rifrattori.

Portabilità e facilità d'uso

Portabilità e facilità d'uso

I Dobson sono rinomati come alcuni dei telescopi più facili e veloci da installare.

Tutto quello che devi fare è posizionarli su un punto di osservazione in piano, assicurarti che gli specchi siano ben collimati, prendere l'oculare, tracciare il tuo obiettivo con l'aiuto di una mappa stellare o di un telefono cellulare e puntare il cannocchiale verso il bersaglio e il gioco è fatto .

Naturalmente, uno Schmidt-Cassegrain da 8 pollici può essere abbastanza più compatto di un telescopio riflettore Dobson, ma la configurazione tende ad essere un po' più complicata.

Il supporto altazimutale dichiarato riduce peso, costi e dimensioni, il che, a sua volta, aumenta la portabilità dell'installazione telescopica complessiva. Aiuta anche a mantenere l'oculare in posizione facilmente accessibile per le dimensioni del telescopio.

I supporti Dobson facilitano anche la rotazione del cannocchiale sull'asse orizzontale e verticale secondo necessità.

Guarda anche
Mercurio: il pianeta più veloce

I dobson non subiscono la distorsione dell'immagine

I dobson non subiscono la distorsione dell'immagine

Per avere una visione nitida nel tuo oculare, tutta la luce raccolta attraverso l'apertura o l'apertura deve essere focalizzata nello stesso punto e nello stesso momento. A tale proposito, i telescopi che utilizzano lenti per raccogliere la luce spesso soffrono di quella che viene chiamata aberrazione cromatica.

Fortunatamente, i Dobson sono progettati per contrastare tali squilibri minori. Il fatto che questi telescopi utilizzino specchi per riflettere la luce significa che i raggi luminosi saranno focalizzati esattamente nello stesso punto e allo stesso tempo.

Inoltre, questi modelli sono associati a un attrito sufficiente nei loro cuscinetti per compensare una quantità significativa di distorsione.

D'altro canto, si dice anche che renda questi telescopi un po' più difficili da posizionare con precisione. A volte i contrappesi vengono installati o agganciati nella parte posteriore dello specchio per correggere il rimbalzo causato.

Ottimo per l'osservazione planetaria

Ottimo per l'osservazione planetaria

I Dobson sono tra i telescopi più adatti per l'osservazione planetaria e del cielo profondo con un budget limitato.

La generosa apertura/apertura consente loro di raccogliere molta luce riflessa dai corpi celesti, il che significa che potresti sperimentare immagini molto più chiare e luminose all'interno dell'oculare.

Questi telescopi sono dotati di un diametro dell'obiettivo massimizzato e di una maggiore portabilità che rendono il posizionamento perfetto per osservare deboli ammassi stellari, rilevare nebulose e altri oggetti dello spazio profondo.

Costo inferiore rispetto ad altri tipi di telescopi

Costo inferiore rispetto ad altri tipi di telescopi

Come abbiamo affermato in precedenza, i telescopi riflettori sono meno costosi da produrre rispetto ai rifrattori o persino ai telescopi catadiottrici. Sono ottimi per gli astronomi dilettanti perché forniscono un diametro più oggettivo e una maggiore capacità di raccolta della luce con la minima quantità di denaro.

Fatte salve le dimensioni dello specchio collettivo, un Dobson commerciale può costare da poche centinaia a circa $ 500.

Tieni presente che i modelli più elaborati e complessi che costano fino a $ 2000 saranno per lo più più coinvolgenti da spostare e configurare, meno stabili e più difficili da usare.

Conclusione

Conclusione

Con la loro struttura di montaggio semplice, i Dobs sono considerati più facili da configurare, leggeri e spesso più economici rispetto ad altri stili di montaggio. Inoltre, l'oculare è fatto per rimanere in posizione la maggior parte del tempo e generalmente non finisce in una posizione indesiderabile.

Quindi, se tutto ciò che vuoi è esplorare le cose; stelle, pianeti, ammassi stellari, galassie, nebulose e simili oggetti del cielo profondo, quindi il miglior telescopio (il migliore in termini di budget e capacità di raccolta della luce) è il telescopio Dobson.

Tuttavia, se hai intenzione di utilizzare il tuo telescopio per astrofotografia, che significa scattare foto di oggetti del cielo profondo, allora potresti prendere in considerazione un telescopio rifrattore o newtoniano e una montatura motorizzata.

La condivisione è la cura!

Lisa Hayden-Matthews

Lisa Hayden-Matthews

Un ciclista, appassionato di triathlon, giocatore amatoriale di beach volley e amante della natura che non ha mai perso una sfida! Gestisco la sezione editoriale generale per la rivista qui e occasionalmente intervengo con le mie fotografie naturalistiche, quando richiesto.

Post correlati

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Scorrere fino a Top