fbpx

ESA: la porta d'Europa verso lo spazio

Il gateway europeo dell'ESA per lo spazio

L'Agenzia spaziale europea (ESA) è impegnata a avvantaggiare l'umanità esplorando pacificamente lo spazio. Delle sei maggiori agenzie spaziali del mondo, l'ESA è l'unica agenzia composta da un gruppo collettivo di nazioni. L'ESA è un'organizzazione intergovernativa che sovrintende alla ricerca e all'esplorazione spaziale. Promuovono la crescita economica in Europa spingendo i confini della scienza e della tecnologia. 

Missione

"Dare forma allo sviluppo delle capacità spaziali dell'Europa e garantire che gli investimenti nello spazio continuino a offrire vantaggi ai cittadini europei e del mondo".

Definizione di scopo

"Lo scopo dell'ESA è quello di fornire e promuovere, per scopi esclusivamente pacifici, la cooperazione tra gli Stati europei nella ricerca e tecnologia spaziale e nelle loro applicazioni spaziali, in vista del loro utilizzo per scopi scientifici e per sistemi operativi di applicazioni spaziali."

Nazioni collaboratrici

Nazioni collaboratrici

L'ESA è composta da 22 Stati membri che combinano budget e risorse, questa collaborazione consente all'ESA di intraprendere progetti e missioni che andrebbero oltre lo scopo di una singola nazione europea. 

10 membri fondatori:

Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Svezia, Svizzera, Spagna e Regno Unito. 

22 Stati membri:

Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito. 

Lettonia, Lituania, Slovacchia e Slovenia sono membri associati. 

Bulgaria, Canada, Croazia, Cipro e Malta hanno accordi di cooperazione. 

L'ESA ha otto sedi in tutta Europa e una nella Guina francese, lo spazioporto europeo. 

La storia dell'Europa nello spazio

La storia dell'Europa nello spazio
  • 1945-1950: Molti scienziati europei avevano lasciato l'Europa occidentale dopo la seconda guerra mondiale per lavorare negli Stati Uniti o in Unione Sovietica. Gli scienziati europei si sono resi conto che i singoli progetti nazionali non sarebbero stati in grado di competere con quelli delle maggiori superpotenze mondiali. 
  • 1958: Utilizzando il CERN come modello, Pierre Auger ed Edoardo Amaldi, hanno raccomandato ai governi europei di istituire un'organizzazione congiunta "puramente scientifica" per la ricerca spaziale. 
  • 1962: Le nazioni europee partecipanti hanno concordato di avere due agenzie, l'Organizzazione europea per lo sviluppo del lancio (ELDO), incentrata sullo sviluppo di un sistema di lancio, e l'Organizzazione europea per la ricerca spaziale (ESRO), il cui obiettivo era lo sviluppo di veicoli spaziali. 
  • 1967: Il Centro operativo spaziale europeo (ESOC) è stato fondato a Darmstadt, in Germania. 
  • 1968: ESRO ha lanciato il suo primo satellite di successo, ESRO-2B, con l'intenzione di studiare i raggi cosmici e i raggi X solari. 
  • 1973: La NASA e l'ESRO collaborano per costruire Spacelab, il pacchetto scientifico modulare utilizzato sui voli dello Space Shuttle. 
  • 1975: ELDO ed ESRO vengono fuse per formare l'ESA come è conosciuta oggi. L'ESA lancia la sua prima grande missione scientifica, Cos-B, un satellite che monitora i raggi gamma nell'Universo. 
  • 1978: Il Canada si unisce come Stato cooperante. L'ESA collabora con la NASA per lanciare il primo telescopio al mondo ad alta orbita, l'International Ultraviolet Explorer (IUE). 
  • 1979: L'Australia aderisce in virtù di un accordo di associazione. Viene lanciato Ariane I, leader della famiglia dei sistemi di lancio consumabili. 
  • 1980: Viene costituita Arianespace per costruire e far funzionare il resto dei razzi Ariane. Ariane ha portato in orbita principalmente carichi utili commerciali dopo il 1984. L'Ariane 4 ha stabilito l'ESA come leader mondiale nei lanci spaziali commerciali negli anni '1990. 
Guarda anche
Quindi, il nostro sole è in realtà una stella?
Storia nello spazio di ESA Europa
  • 1983: Il primo astronauta dell'ESA vola sullo Space Shuttle statunitense. 
  • 1986: La prima missione nello spazio profondo dell'ESA, Giotto, mirava allo studio delle comete Hally e Grigg-Skjellerup. 
  • 1990: L'ESA ha collaborato con NASA sul telescopio spaziale Hubble, l'Osservatorio Solara ed Eliosfera e Ulisse. 
  • 2003: L'ESA ha lanciato l'orbiter Mars Express e il suo lander, Beagle 2. Mars Express è la prima missione completamente europea su qualsiasi pianeta. 
  • 2005: La prima sonda in assoluto ad atterrare su un oggetto nel sistema solare esterno, la sonda Huygens dell'ESA, atterra sulla luna più grande di Saturno, Titano. 
  • 2008: L'ESA diventa un partner pienamente responsabile per le operazioni della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), consentendo agli astronauti dell'ESA di essere residenti nell'equipaggio della ISS. Il laboratorio Columbus dell'ESA viene lanciato sulla ISS. 
  • 2009: L'astronauta dell'ESA Frank De Winne si unisce all'equipaggio della ISS e diventa il primo comandante europeo di una spedizione della ISS. 

Principali risultati dell'ESA e piani futuri

Principali risultati dell'ESA e piani futuri

L'ESA si concentra sulla costruzione e il lancio di razzi e satelliti, sulla conduzione di osservazioni della Terra, sull'addestramento di astronauti europei, sullo studio del sistema solare e dell'Universo. Si concentrano anche sullo sviluppo di tecnologie satellitari per supportare le industrie europee.

  • Il telescopio spaziale Hubble: L'ESA ha collaborato a Hubble, il primo dei quattro Grandi Osservatori della NASA. Hubble ha mostrato una luce su molti misteri dell'Universo. 
  • Laboratorio Scientifico Columbus: Il più grande contributo dell'ESA alla Stazione Spaziale Internazionale, lanciato nel 2008. 
  • LISA esploratore: Il esploratore dell'antenna spaziale con interferometro laser (LISA). è stato lanciato nel 2015. L'obiettivo di LISA è testare la tecnologia per un futuro osservatorio delle onde gravitazionali dell'ESA. 
  • Programma ExoMars:  Il programma ExoMars è il tentativo dell'ESA di trovare vita e acqua su Marte. La prima parte di questo programma è stata lanciata nel 2016 ed è stata una collaborazione con la Russia, che ha posizionato il satellite Trace Gas Orbiter nell'orbita di Mar. Nel 2022 l'ESA prevede di inviare un rover sulla superficie di Mar come prossimo passo della missione. 
  • GPS Galileo:  Il sistema GPS Galileo è stato costruito dall'ESA in modo che l'Europa potesse essere indipendente dai sistemi GPS americani o russi. I primi satelliti Galileo sono entrati in funzione nel 2016 ed erano pienamente operativi nel 2020. 
  • Missione BepiColombo: In collaborazione con la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA), l'ESA ha lanciato la missione BepiColombo nel 2018. L'obiettivo di questa missione è studiare la struttura della superficie, la struttura interna e i campi magnetici di Mercurio. La sonda dovrebbe arrivare su Mercurio nel dicembre 2025. 
  • Ariane 6 e Vega-C Rockets: Queste missioni missilistiche garantiscono all'Europa un accesso autonomo allo spazio. 
Guarda anche
La guida definitiva per principianti all'astronomia e alla fotografia astronomica

L' Agenzia spaziale europea è una collaborazione unica di molte nazioni. Ciò consente all'ESA di combinare budget e risorse per sostenere missioni che una nazione non potrebbe da sola. L'ESA ha la tecnologia per mantenere l'Europa al centro della nuova era dell'esplorazione spaziale, aiutando a riportare gli esseri umani sulla Luna e infine su Marte. 

Riferimenti:

https://www.esa.int/ESA_Multimedia/Images/2017/03/HEOS-1
https://www.esa.int/About_Us/ESA_history/History_of_Europe_in_space
https://www.masterclass.com/articles/european-space-agency
https://www.esa.int/Enabling_Support/Operations/Past_missions_activities
https://www.esa.int/ESA/Our_Missions/(sort)/date
https://www.iafastro.org/membership/all-members/european-space-agency-esa.html#:~:text=ESA%20has%2022%20Member%20States,and%20Slovenia%20are%20Associate%20Members.
https://www.esa.int/About_Us/Corporate_news/A_European_vision
https://www.esa.int/About_Us/Corporate_news/ESA_facts#:~:text=Us%20%2F%20Corporate%20news-,The%20European%20Space%20Agency%20(ESA)%20is%20Europe’s%20gateway%20to%20space,organisation%20with%2022%20Member%20States.
https://www.esa.int/ESA_Multimedia/Videos/2019/11/This_is_ESA

La condivisione è la cura!

Cassie Hatcher

Cassie Hatcher

Cassie apprende da sempre con la passione di comunicare la scienza di alto livello in una questione di conversazione. Ha conseguito una laurea e un master in fisica e ha scritto due tesi di astronomia, una delle quali è stata pubblicata. Ha conseguito uno stage presso il Goddard Space Flight Center della NASA nel 2016 e ha avuto la possibilità di vedere il James Webb Space Telescope mentre veniva costruito.

Post correlati

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Scorrere fino a Top