fbpx

10 fatti incredibili sullo spazio che ti sorprenderanno!

fatti sullo spazio

1. Non vedremo più la cometa di Halley fino al 2061

1. Non vedremo più la cometa di Halley fino al 2061

Le comete possono essere pensate come sporche palle di neve spaziali. Si sono formati milioni di anni fa durante la formazione del nostro sistema solare. Come i pianeti, le comete orbitano attorno al Sole, tuttavia le loro orbite sono molto ampie, spesso superando le orbite di molti pianeti. Questo è il motivo per cui vediamo le comete solo di tanto in tanto. La cometa di Halley è stata vista l'ultima volta nel 1986 e non sarà più vista fino al 2061.   

2. La superficie lunare ospiterà le prime impronte per milioni di anni

2. La superficie lunare ospiterà le prime impronte per milioni di anni

Sulla Terra le tracce di uomini e animali non durano a lungo. Abbiamo un'atmosfera che ci dà venti e tempo. La Luna non ha atmosfera. Ciò significa che non c'è tempo o acqua per erodere le impronte che gli astronauti hanno lasciato sulla Luna. A meno che non ci sia un impatto sulla Luna vicino al sito di atterraggio dell'Apollo che sollevi la polvere dalla superficie della Luna, le impronte e le impronte dei veicoli spaziali rimarranno lì per milioni di anni. 

3. La Via Lattea si scontrerà con la nostra vicina, la galassia di Andromeda. 

3. La Via Lattea si scontrerà con la nostra vicina, la galassia di Andromeda.

Mentre le galassie sembrano molto distanti, molte sono relativamente vicine l'una all'altra e si scontreranno. Tra 4 miliardi di anni, la nostra galassia Via Lattea entrerà in collisione con la nostra vicina galassia di Andromeda. Le simulazioni al computer prevedono che ci vorranno altri 2 milioni di anni dopo la collisione iniziale affinché le nostre due galassie si fondano completamente in una nuova galassia. 

4. Non sappiamo esattamente da dove provenga la Luna 

4. Non sappiamo esattamente da dove provenga la Luna

Ci sono alcune anomalie sulla nostra Luna che fanno sì che gli astronomi si chiedano come sia arrivata qui. Per questo motivo non sappiamo esattamente da dove provenga la Luna ma ci sono molte teorie. La teoria principale e la più ampiamente accettata è la teoria del grande impatto.

Guarda anche
Mercurio: il pianeta più veloce

Questa teoria suggerisce che un oggetto di grandi dimensioni, delle dimensioni di Marte, abbia colpito la Terra subito dopo la formazione del sistema solare. Questo impatto ha causato l'espulsione nello spazio di grandi quantità di materiale riscaldato sia dalla Terra che dall'oggetto in collisione, chiamato Theia. Alla fine, questo materiale espulso si è raccolto e ha formato la nostra Luna. 

5. La gigantesca macchia rossa di Giove è una gigantesca tempesta

5. La gigantesca macchia rossa di Giove è una gigantesca tempesta

Giove è uno dei giganti gassosi e potrebbe essere uno dei pianeti dall'aspetto più spettacolare. La sua atmosfera esterna è costituita principalmente da idrogeno ed elio con piccole quantità di altri elementi. Le nuvole di questi elementi hanno diverse sfumature di bianco, arancione, marrone e rosso.

Queste nuvole possono essere viste in bande causate dai venti che ruotano attorno al pianeta a velocità diverse, con tempeste rotonde punteggiate ovunque. La caratteristica più riconoscibile di Giove, la sua gigantesca macchia rossa è in realtà una grande tempesta, più grande della Terra. Anche se abbiamo visto questa macchia rossa da quando osserviamo Giove, la macchia si sta restringendo.

Mentre molte cose potrebbero cambiare e influenzare la crescita di questa tempesta, se continua il suo percorso di riduzione potrebbe scomparire nei prossimi 20 anni secondo i ricercatori del JPL della NASA in California. 

6. I buchi neri hanno opposti teorici chiamati buchi bianchi. 

6. I buchi neri hanno opposti teorici chiamati buchi bianchi.

I buchi neri sono noti per la loro immensa attrazione gravitazionale, così potente che nemmeno la luce può sfuggire alla sua presa. Questo dà l'impressione che mangino tutto ciò che si avvicina troppo. C'è equilibrio nell'Universo in termini di forze, scambio di energia e molte particelle e oggetti. Quindi c'è una controparte di un buco nero.

Guarda anche
Perché i pianeti hanno colori diversi?

Sì, in teoria. I buchi bianchi sono l'opposto teorico dei buchi neri e sono oggetti puramente ipotetici. Si teorizza che funzionino in modo opposto a un buco nero. Se nulla può sfuggire a un buco nero, allora nulla può entrare in un buco bianco. I buchi bianchi potrebbero essere in agguato da qualche parte nell'Universo in attesa di essere scoperti? O potrebbero essere ciò che c'è dall'altra parte di un buco nero?

7. Ci sono pianeti canaglia che fluttuano nello spazio da soli. 

7. Ci sono pianeti canaglia che fluttuano nello spazio da soli.

Mentre sarebbe facile presumere che tutti gli altri pianeti orbitino attorno a stelle come quelle del nostro sistema solare, non è sempre così. Fuori nella nostra galassia ci sono quelli che sono noti come pianeti canaglia. Questi pianeti non orbitano attorno a nessuna stella ma fluttuano nello spazio da soli in orbita attorno al centro galattico. 

8. C'è una luna nel nostro sistema solare che appare diversa ogni poche migliaia di anni

8. C'è una luna nel nostro sistema solare che appare diversa ogni poche migliaia di anni

C'è una luna di Giove, Io, che potrebbe essere uno dei luoghi più volatili del nostro sistema solare. È ricoperta di vulcani, più di 100 dei quali sono attivi. Questa costante attività vulcanica fa sì che la superficie di Io venga recuperata ogni poche migliaia di anni mentre la lava scorre sulla sua superficie. 

9. I tramonti di Marte sono blu 

9. I tramonti di Marte sono blu

Il colore del nostro cielo durante il giorno e durante il tramonto è dettato dalle particelle nella nostra atmosfera e da come interagiscono con la luce solare in arrivo. L'atmosfera terrestre è costituita principalmente da azoto e ossigeno. Questo in combinazione con lo spessore della nostra atmosfera ci dà cieli azzurri durante il giorno e cieli arancioni/rossi al tramonto.

Guarda anche
Terra: il nostro affascinante pianeta!

Su Marte, tuttavia, i nostri rover stanno vedendo qualcosa di completamente diverso. Le immagini dei rover hanno mostrato cieli giallastri durante il giorno e cieli blu-grigi al tramonto. Ciò è dovuto al fatto che l'atmosfera di Marte è costituita principalmente da anidride carbonica e particelle di polvere fine, oltre ad essere molto più sottile dell'atmosfera terrestre. 

10. Un anno su Venere è più breve di un giorno su Venere. 

10. Un anno su Venere è più breve di un giorno su Venere.

Un giorno è definito come una rotazione completa di un pianeta attorno al proprio asse. Un anno è definito come un'orbita completa attorno al Sole. I giorni sulla Terra durano circa 24 ore e ci vogliono circa 365 giorni per compiere un'orbita completa attorno al Sole. Ogni pianeta ha la sua velocità di orbita attorno al Sole e ruota attorno al suo asse.

Venere impiega 243 giorni terrestri per ruotare completamente attorno al proprio asse per completare un giorno su Venere. Tuttavia, Venere impiega 225 giorni terrestri per orbitare completamente attorno al Sole. Facendo un anno su Venere 18 giorni terrestri in meno di un giorno su Venere.

La condivisione è la cura!

Cassie Hatcher

Cassie Hatcher

Cassie apprende da sempre con la passione di comunicare la scienza di alto livello in una questione di conversazione. Ha conseguito una laurea e un master in fisica e ha scritto due tesi di astronomia, una delle quali è stata pubblicata. Ha conseguito uno stage presso il Goddard Space Flight Center della NASA nel 2016 e ha avuto la possibilità di vedere il James Webb Space Telescope mentre veniva costruito.

Post correlati

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Scorrere fino a Top