fbpx

29 Fatti divertenti, interessanti e sorprendenti sulle alghe

29 Fatti divertenti, interessanti e sorprendenti sulle alghe

Quando pensi alle alghe, probabilmente evoca immagini di fanghi verdi che soffocano la superficie degli stagni da giardino o viscidi viticci marroni che si contorcono lungo le rive del mare. In effetti, le alghe sono responsabili della creazione e del sostentamento della vita sulla Terra, forniscono alcune delle meraviglie naturali più drammatiche e spettacolari e si stanno rivelando indispensabili nella lotta ai cambiamenti climatici. 

Ecco 29 fatti affascinanti, sorprendenti e incantevoli sulle alghe non così umili. 

  • Una delle più antiche forme di vita sulla Terra, le alghe sono responsabili dell'ossigenazione iniziale della nostra atmosfera circa 2-3 miliardi di anni fa, innescando la vita terrestre sulla Terra. Oggi le alghe producono circa il 50% dell'ossigeno che respiriamo.
  • Le alghe sono le fondamenta della catena alimentare, sostenendo i requisiti nutrizionali per qualsiasi cosa, dalle barriere coralline alle balene blu. Le alghe microscopiche vengono consumate da piccoli animali, che a loro volta vengono consumati da creature marine, animali terrestri e umani sempre più grandi. Senza le alghe, i diversi ecosistemi del nostro pianeta, dagli oceani, alle giungle, alle metropoli urbane, semplicemente crollerebbero.
  • Ci sono circa 70,000 specie conosciute di alghe, anche se i ricercatori stimano che il numero effettivo sia più vicino al milione! Si va da organismi microscopici unicellulari (microalghe) che misurano appena 0.2 micrometri a organismi macroscopici multicellulari (macroalghe) come alghe e alghe giganti, che possono raggiungere fino a 60 metri di lunghezza. 
fatti sulle alghe 001
  • Sebbene molte alghe siano inconfondibilmente "simili a piante", sono generalmente classificate come "protisti", un gruppo di organismi multicellulari unicellulari e primitivi. Non sono né flora, fauna, funghi, né batteri. I protisti sono per lo più fotosintesi autotrofi, convertono la luce solare e l'anidride carbonica in nutrienti ed energia e rilasciano ossigeno nella nostra atmosfera. 
  • Le alghe sono maestri di adattabilità e versatilità in grado di sopravvivere praticamente ovunque con luce solare e acqua. Presenti sia in acqua dolce che in acqua salata, sopportano vaste gamme di temperature, climi, salinità e condizioni atmosferiche. Possono essere sia fluttuanti che attaccati a rocce, fango, sabbia e persino animali.
  • Ognuna delle innumerevoli specie complesse e diverse di flora che esistono oggi sulla Terra si è evoluta dalle rudimentali alghe unicellulari apparse per la prima volta miliardi di anni fa.
  • Nonostante supportino gli ecosistemi, anche le alghe possono essere dannose. Le fioriture algali, note come "maree rosse", si formano quando fioriscono i nutrienti acquatici, provocando l'esplosione della crescita delle alghe e l'inghiottimento di grandi distese d'acqua, fino a 1000 km. Questa vasta proliferazione di alghe rilascia nell'acqua tossine dannose. Queste tossine possono destabilizzare l'ecosistema marino e causare problemi di salute gastrointestinale, respiratoria e neurologica in pesci, uccelli, animali e esseri umani che consumano le tossine.
Guarda anche
Come catturare una salamandra: tutto ciò che devi sapere!
boom di alghe
  • Ci sono più alghe individuali che vivono sul pianeta Terra di quante stelle in tutte le galassie del nostro universo.
  • Le alghe possono crescere fino a dieci volte più velocemente delle piante terrestri. Le microalghe possono raddoppiare di dimensioni in sole 24 ore. Le macroalghe possono crescere più velocemente del bambù, fino a 60 cm in un solo giorno.
  • Fisica è il termine per lo studio delle alghe. Le registrazioni della conoscenza umana delle alghe possono essere fatte risalire a circa 5,000 anni fa fino alla prima letteratura cinese, ma le prove archeologiche mostrano che gli esseri umani stavano interagendo e consumando alghe in (quello che oggi è) il Cile circa 14,000 anni fa.
  • I letti di alghe e alghe forniscono un'eccellente protezione contro l'erosione costiera spostando le forze di marea prima che raggiungano la terraferma.
  • Le alghe occupano una posizione unica nelle tradizioni culinarie; Mangiato come alimento base nelle culture orientali per migliaia di anni; Come cibo per la povertà che fornisce sostentamento alle comunità costiere in tempi di carestia; E come una nuova prelibatezza nei ristoranti di lusso e innovativi di tutto il mondo.
Cibo di base per le alghe
  • Le alghe sono un superfood! Contiene acidi omega-3 che proteggono dal colesterolo e aumentano la dopamina (promuovendo il benessere mentale), aminoacidi essenziali per un efficace assorbimento dei nutrienti e per il mantenimento di tessuti e muscoli e alti livelli di iodio, essenziale per una sana funzione tiroidea, raro in altri alimenti . Le alghe hanno anche un alto contenuto di vitamine e minerali, in particolare la B12, che manca a molte altre piante, rendendole un'ottima scelta per vegetariani e vegani. Incredibilmente ricche di proteine, le alghe producono circa 4-15 tonnellate di proteine ​​per ettaro. Al contrario, la soia produce in genere solo 0.6-1.2 tonnellate nella stessa area.
  • Alcune specie di alghe possiedono proprietà antitumorali, antitumorali e antivirali! Le terapie antitumorali contenenti alghe possono indurre "l'apoptosi", eliminando la crescita delle cellule nocive. 
  • Anche le alghe hanno benefici neurologici! Uno studio del 2017 ha rilevato che adolescenti e bambini con ADHD hanno riportato miglioramenti significativi nelle loro condizioni dopo aver assunto integratori di alghe per sei mesi. 
  • L'industria cosmetica aggiunge le alghe a molti prodotti per la cura della pelle. L'estratto di alghe idrata la pelle, facilita il ricambio e il rinnovamento cellulare, favorisce una sana circolazione e possiede proprietà antibatteriche e antinfiammatorie.
Guarda anche
Come sbarazzarsi dei coyote (e tenerli lontani!)
  • Le lontre marine usano foreste di alghe giganti come dispositivi di galleggiamento, intrecciandosi all'interno dei lunghi viticci verdi per evitare di essere trascinati dalle maree mentre dormono.
  • I biocarburanti algali sono un'alternativa promettente ai combustibili fossili nocivi. Le alghe possono trasformare fino al 60% della loro biomassa in oli che, una volta estratti e raffinati, possono essere utilizzati per il biodiesel e persino per il carburante degli aerei! I combustibili derivati ​​dalle alghe producono circa il 70% in meno di gas serra rispetto ai combustibili fossili. 
  • Nell'agricoltura dei seminativi, gli agricoltori hanno utilizzato le alghe come biostimolanti per molte migliaia di anni. Le alghe rilasciano azoto nel terreno che può aumentare i tassi di crescita e i raccolti tra il 10 e il 30%.
  • Le alghe possono essere coltivate completamente in acqua, riducendo al minimo lo spostamento del terreno, oltre a prosperare in condizioni di acqua salmastra non arabile, solitamente inospitali per le colture terrestri.
  • La coltivazione commerciale delle alghe è nota come "algacultura". Si stima che nel 2021 il mercato globale delle alghe valesse circa 4.7 miliardi di dollari.
Coltivazione di alghe
  • Quando vengono somministrate al bestiame, le alghe offrono molti benefici per la salute degli animali, come una migliore fertilità e risposta immunitaria, il mantenimento di pelle e manti sani e persino il miglioramento della qualità delle uova quando vengono somministrate al pollame. 
  • Le alghe hanno un altro uso, leggermente più puzzolente, nell'agricoltura ecologica. Ricercatori australiani hanno scoperto che l'aggiunta di alghe all'alimentazione del bestiame riduce le emissioni nocive di metano dalle viscere del bestiame fino all'80%. Il metano è il secondo gas serra più diffuso dopo l'anidride carbonica e le emissioni del bestiame contribuiscono a circa il 44% delle emissioni di metano antropogenico.
  • Per secoli, le comunità costiere hanno utilizzato le alghe come materiali da costruzione. La robustezza e la salinità pesticida naturale delle alghe sono state utilizzate per i tetti di paglia sin dalla dinastia Yuan nella Cina del XIII secolo. La paglia di alghe è una tecnica usata ancora oggi nelle aree della Cina e della Danimarca. Alcune delle abitazioni sono rimaste in piedi per 13 anni.
  • Le alghe esibiscono uno degli spettacoli più magici ed eterei del mondo naturale, la bioluminescenza. Piccole alghe unicellulari chiamate Dinoflagellates producono spettacoli di luce mozzafiato quando il loro ambiente è disturbato, innescando una reazione chimica luminosa. Sebbene sia bello, questo display è un meccanismo di difesa per allontanare potenziali predatori. Per secoli, filosofi, naturalisti, scienziati, storici e persino sacerdoti si sono interrogati sulla causa di questi affascinanti spettacoli di luci. Nel XVII secolo si pensava che la bioluminescenza fosse il sole che impregnava il mare di “un'infinità di spiriti ardenti e luminosi”. I romani credevano che la bioluminescenza fosse presagi o premonizioni degli dei. Al giorno d'oggi, chiunque può godere del proprio ecosistema bioluminescente. Piccoli globi pieni di Dinoflagellate possono essere acquistati per un minimo di circa £ 17.
Guarda anche
Come sbarazzarsi degli opossum (come... per Everrr!)
  • Nel 1954, le alghe bioluminescenti salvarono la vita di un pilota di caccia in missione di addestramento. Il sistema di navigazione si è guastato e tutte le luci si sono spente. Dall'alto, il pilota poteva vedere un debole bagliore nell'oceano sotto di lui, che correttamente supponeva fosse la bioluminescenza creata nella scia della portaerei. Usando le alghe luminose come guida, il pilota è stato in grado di atterrare in sicurezza a bordo. Al contrario, le alghe bioluminescenti hanno rivelato le posizioni segrete di sottomarini e navi. Durante la prima guerra mondiale, un U-Boat tedesco fu affondato quando una nave britannica notò la sua scia luminosa.
  • Le alghe hanno ispirato molto folklore e tradizioni. Nelle prime dinastie dell'Estremo Oriente, le alghe erano uno dei dodici simboli di sovranità, rappresentando purezza, luminosità e leadership. Motivi di alghe erano blasonati su abiti dinastici e ceramiche. L'alga era così venerata che spesso veniva data in dono alla nobiltà. I gruppi indigeni delle Prime Nazioni costiere nelle Americhe ungevano i neonati con unguenti di alghe credendo che avrebbero impregnato il bambino della forza e della resilienza delle alghe per resistere al martellamento delle maree oceaniche. In Corea, è tradizione che le neo mamme mangino la zuppa di alghe dopo il parto, poiché si ritiene che dia la forza per riprendersi dal parto. 
  • Nella Gran Bretagna vittoriana, dove arti e scienze erano strettamente intrecciate, i microscopisti professionisti usavano minuscole alghe unicellulari chiamate Diatomee per creare arte! Ogni diatomea ha una forma unica, e queste sono state accuratamente disposte per formare motivi vibranti, intricati e caleidoscopici, visibili solo attraverso un microscopio.
  • Nel 2017, il Victoria and Albert Museum di Londra ha esposto un lampadario vivente, respirante e funzionante creato dalle alghe. Simboleggiando il significato delle alghe nei nostri ecosistemi, il lampadario fonde un design elegante con una bioscienza innovativa. Altrove nelle arti, le alghe sono state utilizzate per creare una miriade di tessuti e materiali come impiallacciatura di legno, paralumi, abiti, giacche impermeabili e persino paillettes. Algae è pubblicizzato come il prossimo progresso verso un futuro materiale più sostenibile per le industrie delle arti, del design e della moda.
Guarda anche
Come sbarazzarsi delle vespe (e tenerle lontane!)
Dettagli di alghe reali

Responsabili di istigare la vita sulla terra, sostenere le catene alimentari, stabilizzare gli ecosistemi, sfidare i cambiamenti climatici e illuminare gli oceani, le alghe possono sembrare banali, ma questo organismo preistorico è davvero miracoloso. Nelle parole del drammaturgo John B Keane, "Dio creò le alghe... Le alghe fecero il mondo".

La condivisione è la cura!

Emilia Grice

Emilia Grice

Em Grice è una scrittrice di contenuti specializzata in orticoltura e botanica che combina il suo rispetto per il mondo naturale con il suo amore per la parola scritta. Collaboratrice regolare di una serie di pubblicazioni e organizzazioni internazionali, è molto tranquilla quando lavora nel suo piccolo giardino nel nord dell'Inghilterra

Post correlati

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Scorrere fino a Top